SCOPRI LE NOSTRE OFFERTE: clicca sui tasti che vedi di seguito per maggiori informazioni

(a partire da € 2.900,00* escluso il materiale)

 *iva esclusa

Come si procede in una ristrutturazione di un bagno

Il primo passo che riguarda una ristrutturazione di un bagno è rappresentato dalla scelta delle piastrelle e dei pavimenti. Le piastrelle servono a proteggere le pareti dalla polvere e dall’umidità.

E’ dunque consigliabile ricoprire con delle buone mattonelle anche una buona parte delle pareti (in commercio è possibile trovare piastrelle in stile classico ma anche moderno).

Un materiale molto apprezzato per le piastrelle del bagno è il gres, grazie al quale è possibile imitare finiture speciali. Questo materiale non ha bisogno di particolare cura e attenzione nella pulizia quotidiana.

I nostri tempi (per una ristrutturazione completa)

  • 1°/2° giorno: demolizione dei rivestimenti esistenti delle pareti e pavimento compreso di sanitari e impianti idraulico. Esecuzione delle tracce per il nuovo impianto idraulico
  • 3° giorno: esecuzione del nuovo impianto idraulico secondo nuove eventuali disposizioni
  • 4° giorno: rifacimento impianto elettrico chiusura delle tracce e preparazione del nuovo massetto
  • 5° giorno: preparazione delle pareti con piombatura e squadratura delle stesse e piastrellamento del pavimento
  • 6°/7°giorno: piastrellamento delle pareti
  • 8° giorno: tinteggiatura delle restanti pareti e soffitto e stuccature delle fughe delle piastrelle
  • 9° giorno: montaggio dei sanitari e rubinetterie

Sgravi fiscali per la ristrutturazione bagni

E’ possibile ottenere degli sgravi fiscali per la ristrutturazione del proprio bagno? Grazie alla Legge 90 del 2013 sì.
Nello specifico tuttavia la legge in questione non permette di ottenere agevolazioni per ogni genere di lavoro. La semplice sostituzione delle mattonelle, ad esempio, viene riconosciuta come manutenzione ordinaria e quindi non beneficiaria.
Quando invece si parla di sanitari destinati ai disabili si può utilizzare il terzo comma dell’articolo 3 della Legge 104 del 1992 perché l’eliminazione delle barriere architettoniche prevedono appunto delle detrazioni fiscali.
Un discorso simile può essere fatto quando all’interno della propria casa si ha la necessità di realizzare un nuovo servizio igienico. In questo caso il bagno deve essere realizzato all’interno del volume originario dell’edificio.

Per ottenere delle informazioni più dettagliate basta collegarsi al sito web dell’Agenzia dell’Entrate. Differentemente, invece, avrete la possibilità di venirci a trovare. In questo modo un esperto del settore vi guiderà nell’allestire il vostro fascicolo.

Il primo passo riguarda il tipo di destinazione d’uso che sarà dato all’immobile, successivamente insieme al cliente sarà strutturato il progetto specificando al dettaglio quali saranno i lavori che gli operai della ditta edile eseguirà in loco. Solo dopo aver completato queste due fasi importantissime, insieme all’azienda si può procedere con un esame accurato delle leggi che permettono di usufruire degli sgravi fiscali e anche dei bonus mobili, che permetteranno di dimezzare i costi del 50% in caso di spesa pari ad almeno diecimila euro. 

Richiedi un preventivo

Siamo disponibili anche telefonicamente al 342.0543367

Contatti e Sedi

Legale: V. Filippo Corridoni n.19
Operativa: V. Renzo da Ceri 10

342.0543367

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il nostro gruppo di professionisti assicura un'assistenza a 360 gradi. Contattaci per ricevere un preventivo.

I servizi che garantiamo riguardano le più note pratiche di ristrutturazione che gravitano attorno al mondo dell'abitazione.

Professionalità, fiducia. Con noi imparerai che non sono solo parole.